Eclettico: è il termine che spesso utilizziamo per descrivere alcuni artisti del nostro palinsesto; ma è anche l'aggettivo più consono per descrivere un artista di nicchia del panorama musicale italiano: Alberto Fortis.

 


Eclettico, ovvero colui che, senza avere un preciso e determinato indirizzo artistico, riesce a trasmettere forti emozioni con le proprie opere! E in questo, Alberto Fortis è maestro.

 

Lo capiamo da un testo superlativo, che contiene:
“differenza tra pietra e le voglie di un uomo
che ha per vita una gabbia
liberata dal sesso, gonfia di verità”
(Il Duomo di Notte, 1978)
e naturalmente da tante altre canzoni dense di grandi significati.

Lo capiamo dalle musiche, che non possiamo de-scrivere (il trattino è volutamente apposto), ma che apprezziamo ogni giorno durante la programmazione radiofonica all'interno del nostro palinsesto.

Lo capiamo dalla storia delle sue performance musicali, nelle quali annovera una corista dello spessore di Rossana Casale, ed un pianista (ma realmente polistrumentista, arrangiatore e direttore d'orchestra) dal nome di Lucio Fabbri.

02 AlbertoFortis articoloAlberto Fortis ha pubblicato venti album, dei quali sedici in studio, dal 1979 in cui cominciò la sua carriera artistica. L'ultima produzione è datata proprio 2018 (22 giugno, per l'esattezza) , con 4Fortys (etichetta Azzurra Music): doppio album con 20 tracce nel primo CD, poiché ha deciso di intervallare buona parte delle sue produzioni con un intermezzo dove contestualizza la creazione del brano, raccontando anche la nascita di tutto l'album.

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.