Radio Italia Anni 60 è un gigantesco serbatoio di emozioni, nel momento in cui i nostri amici editori di tutta Italia condividono lo slogan che ci identifica: siamo “la colonna sonora della nostra vita”. Una colonna sonora è, infatti, un'opera musicale che identifica (e ne fa pure parte) un altro prodotto artistico, e dunque deve essere particolarmente valida, affinché ricordi l'opera alla quale è legata.

 


Un'introduzione semi-wikipediana per sancire inequivocabilmente il valore di un termine, spesso logoro ed abusato, dato che è il termine più consono che possiamo utilizzare per aggettivare gli Earth, Wind & Fire.

Gli EWF, acronimo che molto spesso li ha identificati, nascono nel 1969 a Chicago: a parte l'ovvio riferimento agli anni '60 e '70, dove il pullulare delle produzioni musicali non fa altro che produrre nuove stelle, è d'obbligo citare la grande metropoli dell'Illinois che è anche patria dei Chicago (ovviamente), di Herbie Hancock (pianista jazz, funky e fusion), di Eddie Vedder (cantante dei Pearl Jam), di Anastacia (cantante), di Quincy Jones (musicista e produttore), di Lou Rawls (cantante), di Patti Smith (cantante), di John e Jim Belushi (cantanti dei Blues Brothers), e... ancora tanti altri nomi.

02 EarthWindFire articoloAltre due definizioni che vanno enunciate nel modo più semplice, sono un tassello fondamentale della storia degli EWF: Rock and Roll Hall of Fame e Hollywood Walk of Fame. Quando si possono annoverare due riconoscimenti mondiali di tale spessore, si diventa di diritto “icona della musica”.

Possiamo anche elencare i 35 album pubblicati o i premi acquisiti nel corso dei loro anni di carriera, ma non sarebbe comunque un articolo esaustivo della loro incredibile performance artistica che è tuttora in auge.

Gli Earth, Wind & Fire attraversano i generi più importanti della musica: dal Soul al Funk, passando per la Disco e l'R&B. Sebbene la nascita, come detto, sia collocata alla fine degli anni '60, è nel ventennio successivo che riscuotono un incredibile successo con canzoni che segnano in modo inequivocabile il genere Disco Dance:

 

  • That's the Way of the World (1975);
  • September (1978);
  • Boogie Wonderland e After the love has gone (1979);
  • Let's Groove (1980);
  • Side by Side (1983);
  • Thinking of You (1987)

solo per citare alcuni brani che hanno fatto storia.


Così come nella storia è entrato Maurice White, leader e fondatore del gruppo, che nel 2016 è deceduto a Los Angeles. Sarebbe già sufficiente essere il leader di questo gruppo per annoverare un posto nella storia della musica, ma è bene ricordare che Maurice (ci permettiamo di dargli del tu solo per profonda ammirazione in un incredibile mondo artistico) è stato produttore anche di Barbra Streisand, The Emotions, Ramsey Lewis, Jennifer Holliday, The Tubes, Deniece Williams, e Neil Diamond. È colui che ha introdotto la Kalimba nei vari suoni dell'orchestra dei EWF.

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.